Com'era bello quando eravamo poveri

€15,00
Com'era bello quando eravamo poveri Lo scrittore in queste pagine ha voluto parlare di una personaggio del suo paese, comune, povero, non noto, con tutto rispetto dei grandi nomi che hanno fatto grande Forte dei Marmi. Vittorio è un giovane della Vittoria Apuana povera, le esigenze familiari gli imp..
  • Codice Prodotto: ISBN 978-88-99738-14-3
  • Disponibilità: Disponibile

Com'era bello quando eravamo poveri Lo scrittore in queste pagine ha voluto parlare di una personaggio del suo paese, comune, povero, non noto, con tutto rispetto dei grandi nomi che hanno fatto grande Forte dei Marmi. Vittorio è un giovane della Vittoria Apuana povera, le esigenze familiari gli impongono una vita dura, costretto ad arrabattarsi e a crescere in fretta. Paragonabile a uno scugnizzo napoletano, ne combina di tutti i colori, sempre restando nella legalità. Cambia diversi mestieri con miseri risultati, costretto a vivere nella modestia. Il Salvatori sognando, gli ha voluto regalare una vita meravigliosa, gli fa indossare i panni di un vero signore, di un Ricco. Vittorio si sbizzarrisce, ha la possibilità di acquistare tutto ciò che desidera, tutto quello che la vita gli aveva negato. È felice, assieme alla moglie vuol conoscere e visitare la bella Italia, entrambi non si erano mai allontanati dal paese. Possiede una bella auto, costosa, altrettanto fanno i figli, consapevoli della ricchezza del padre, vivono un tenore di vita straordinario. Come tutte le medaglie c'è un rovescio e Vittorio si rende conto che il rovescio di quella medaglia è pesante. Dopo tante soddisfazioni vissute comprende che era felice quando era povero.

Scrivi una recensione

Nota: Il codice HTML non viene tradotto!
    Negativo           Positivo